Nel corso degli anni mi è capitato di imbattermi spesso in una serie di domande che i miei clienti mi sottopongono soprattutto nelle fasi iniziali dei progetti web. In realtà si tratta di domande le cui risposte non sono per niente scontate, soprattutto per i “non addetti ai lavori”.
Una tra queste domande sicuramente è:

Come serve per creare un sito internet e andare online?

Per fare un sito internet servono un bel po’ di cose. Ma alla maggior parte delle cose ci pensa chi ve lo crea il sito, quindi nella fattispecie ci penso io! 🙂

Step 1 – Avere le idee chiare sui contenuti

Che ci mettiamo nel sito? Ci sono tante tipologie di sito ed ogni tipologia ha una miriade di fattori che rendono un progetto diverso da un altro. Per questo motivo è impossibile rispondere alla domanda “quanto costa un sito internet?”. La risposta, quella vera è: dipende dal sito. Un sito internet vetrina ha un costo, un e-commerce ne avrà un altro, un portale un altro ancora.Aldilà dei costi però è importante avere le idee chiare sui contenuti del sito perché la progettualità dipende tutta da questa fase.

E’ quindi importante come prima cosa creare una mappa del sito, che non sarà nien’altro che una mappa concettuale come quella nell’esempio qui sotto.

Step 2 – Grafica e design

Una volta definita la mappa del sito io generalmente inizio a lavorare su i layout grafici del sito e quindi tutta la parte di UX e UI fino a quando una volta terminate le proposte grafiche le sottopongo al cliente in modo da poter dare un primo colpo d’occhio sul sito.

Anche questa è una fase molto importante perché si definisce non solo l’aspetto del sito ma anche tutti i comportamenti che i mostri utenti avranno sul sito. E’ fondamentale capire una cosa: il sito deve piacere prima di tutto ai nostri clienti. Il sito internet è uno strumento che create per i vostri clienti e non per l’azienda. Questo aspetto è da tenere a mente sempre!

Step 3 – Hosting e Dominio

Mentre il web designer lavora alla grafica del sito sarà necessario procurarsi tutto ciò che serve per la fase di sviluppo e di messa online: vale a dire Hosting e Dominio!

L’hosting è un servizio che consente di ospitare fisicamente su un server web tutti i file che costituiscono il nostro sito rendendolo raggiungibile attraverso internet. L’indirizzo di questo spazio online (e quindi del vostro sito) è determinato dal dominio.

Il dominio, per farla breve, è l’indirizzo del vostro sito: per esempio www.nomeazienda.it oppure www.aziendaxyz.com
La scelta del dominio è una scelta che va pesata perché si tratta del “nome” del sito che non deve corrispondere necessariamente alla ragione sociale ma deve essere:

  • Facile da pronunciare e da scrivere.
  • Breve.
  • Rappresentativo dell’azienda.
  • Deve avere un’estensione adeguata. (Inutile per un’azienda della provincia di Torino acquistare un dominio .uk! Sicuramente va bene un .it o .com a meno che non lavori principalmente nel mercato inglese)

Potete acquistare autonomamente un piano di hosting e un dominio su diversi siti di fornitori. Ci sono moltissime aziende che forniscono questo tipo di servizi come per esempio aruba, register, netsons tra le altre. I costi variano in base al tipo di performance e di servizio richiesti ma per un sito vetrina può bastare un piano annuale in cui hosting e dominio hanno un costo inferiore a 50€.

Step 4 – Contenuti

In fase di progettazione iniziale si stabilisce chi e come dovrà redarre i contenuti. Ci sono principalmente tre casi:

  • il cliente fornisce i contenuti (immagini e testi).
  • lo studio di comunicazione scrive i contenuti (un copywriter redige i testi e un graphic designer crea le immagini).
  •  Un mix delle prime due soluzioni.

In ogni caso, anche se i contenuti verranno creati dallo studio di comunicazione, sarà compito dell’azienda committente dare delle informazioni dettagliate sui prodotti e i servizi dell’azienda, proprio perché chi meglio dell’azienda conosce il proprio prodotto e soprattutto il proprio target?

Step 5 – Sviluppo

La fase di sviluppo è quella in cui lo sviluppatore web da vita alle grafiche che sono state approvate nella fase 2. Grazie all’utilizzo di linguaggi di programmazione (come HTML5, CSS3, JavaScript, PHP) verrà creato il sito in grado di essere utilizzato su più piattaforme e device (da smartphone, tablet, pc, ecc) e di essere indicizzato correttamente dai motori di ricerca.

Step 6 – Aggiornamento contenuti!

Avete un sito, bello, nuovo, veloce e performante… ora qualcuno lo devi dire ai vostri clienti! Il nuovo sito va inserito in tutti i vostri canali, su Facebook, su Instagram, sulla vostra pagina linkedIn, nella firma delle vostre mail.

Cosa ancora più importante è aggiornare i contenuti. Un sito che rimane statico nel tempo è un sito poco interessante sia per google che per i vostri clienti; valutate voi quale delle due cose è la peggiore..!

Aggiornare i contenuti significa dare uno stimolo ai vostri clienti e ai motori di ricerca i quali dovranno indicizzare continuamente il vostro sito e quindi assegnargli una reputazione (ranking) migliore.

Queste sono a grandi linee le fasi di progettazione di un sito web.
In ogni caso, non abbiate paura! Come sempre le cose sono più semplici di quanto non sembrino viste da fuori!

Richiedi un preventivo gratuito




Enrico Rivara

Author Enrico Rivara

More posts by Enrico Rivara

Leave a Reply